Project Description

L'eredità scacchistica

Quando la morte improvvisa lo colse nella primavera del 1946 a cinquantatré anni, Alexander Alekhine era ancora il Campione del mondo in carica e il più devoto adepto della dea Caissa. I penosi anni della guerra appena trascorsi non gli avevano impedito di dedicarsi agli sporadici tornei internazionali, alle esibizioni simultanee in giro per l’Europa e soprattutto al suo illuminato lavoro di ricerca – celebri sono i suoi taccuini manoscritti densi di analisi − teso a sviscerare i più reconditi misteri del gioco degli scacchi.

I tre testi qui raccolti sono le ultime fatiche analitiche di Alekhine, pubblicate postume nel 1946 in Spagna e finora inedite in Italia. Due commentari di partite, Il match Euwe – Alekhine per il Campionato del mondo 1937 e Il match Reshevsky – Kashdan per il Campionato degli Stati Uniti 1942, e il singolare resoconto della sua attività di istruttore nel Corso di scacchi ad Arturo Pomar.

Con la prefazione di Federico Cenci

In cartaceo

In ebook

Pagina autore

2411, 2017

Nella stessa collana