Biblioteca

slide_anderson

Fantastica

slide_ritratto

Segni

slide_pinocchio

Ajeeb

screenhunter_33-nov-23-12-47

Cliquot

In uscita il 2 maggio

A grande richiesta (è proprio il caso di dirlo) di tantissimi lettori e collezionisti, il nostro bestseller ebook La cosa marrone chiaro e altre storie dell’orrore di Fritz Leiber diventa cartaceo, in un’edizione raffinata dai materiali pregiati!

Ordinando la tua copia entro la data di uscita, in omaggio il saggio in ebook L’universo e Fritz Leiber – Viaggio critico nella carriera letteraria di un maestro del fantastico, uno dei più sostanziosi e completi studi sull’opera di Leiber mai apparso sul mercato (che dal 2 maggio sarà venduto al prezzo di 8,99€).

Ordinalo subito!

“Caro lettore, in questo libro c’è una cosa marrone chiaro che tormenterà i tuoi sogni.”
Stephen King

Sette racconti finora inediti in Italia e il romanzo breve che dà il titolo all’antologia, prima stesura di Nostra signora delle tenebre, opera culmine della carriera letteraria di Fritz Leiber.

Otto tasselli fondamentali della carriera di uno dei più grandi maestri della narrativa fantastica del Novecento, dalle prime storie pulp degli anni Quaranta con scienziati pazzi e uomini atomici, agli orrori più personali ed elaborati dei decenni successivi, passando in rassegna tutti i temi maggiormente cari allo scrittore compreso quello che l’ha reso più famoso al pubblico e più amato da romanzieri del calibro di Stephen King e Ramsey Campbell: l’incubo urbano delle oscure entità “paramentali” generate dagli umori mefitici delle megalopoli moderne.

Traduzione e cura di Federico Cenci.

Contenuti:
“Il vero Fritz Leiber” [Introduzione di Federico Cenci];
“La villa del ragno” (“Spider Mansion”, Weird Tales 1942);
“Il signor Bauer e gli atomi” (“Mr Bauer and the Atoms”, Weird Tales, 1946);
“Qualcuno urlò: strega!” (“Cry Witch!”, 10 Story Fantasy, 1951);
“Il demone del cofanetto” (“The Casket-Demon”Fantastic Stories of Imagination, 1963);
“Richmond, fine settembre, 1849” (“Richmond, late September, 1849″, Fantastic, 1969);
“La cosa marrone chiaro (Parte I)” (“The Pale Brown Thing (Part I)”, MF&SF, 1977);
“La cosa marrone chiaro (Parte II)” (“The Pale Brown Thing (Part II)”, MF&SF, 1977);
“Fantasie paurose” (“Horrible Imaginings”, Death, 1982);
“Il nero ha il suo fascino” (“Black has its Charms”, Whispers, 1984);
“Weird Tales: un amore a distanza” (“Weird Tales: a Love at a Distance”, The Diversifier, 1977) [Appendice saggistica di Fritz Leiber].

In concomitanza con l’uscita cartacea del volume di Leiber, presentiamo:

L’universo e Fritz Leiber
Viaggio critico nella carriera letteraria di un maestro del fantastico

saggio in ebook, fuori collana
di Federico Cenci (già curatore dell’antologia leiberiana).

La penna di Fritz Leiber ha cominciato a scrivere nel 1939, e da allora ci ha raccontato senza sosta, per cinquant’anni, i grandiosi mutamenti che il mondo ha attraversato negli anni più intensi della sua storia. L’animo umano di fronte alla bomba atomica, alla tv nelle case, all’inquinamento, al progresso scientifico e all’innovazione tecnologica dal punto di vista di uno dei più grandi maestri di ogni tempo di narrativa dell’immaginario.

L’universo e Fritz Leiber è un saggio critico che ripercorre la carriera letteraria di Leiber dai racconti di gioventù sulle mitiche riviste pulp come Weird Tales e Astounding Science Fiction, alle ultime storie cupe e introspettive degli anni Ottanta, passando in rassegna tutte le fasi più significative del suo percorso evolutivo nei generi della fantascienza e dell’horror.

La corposa ricerca (se fosse un libro di carta conterebbe almeno 2oo pagine!), che ha riguardato anche l’analisi dei manoscritti e dei dattiloscritti originali conservati nelle università americane, si concentra su un esame critico di una selezione di testi rappresentativi, e mette in evidenza caratteristiche salienti dell’opera di Leiber, come l’approccio postmoderno della produzione più tarda, mai studiate prima.

Il più completo, ricco ed esaustivo studio dell’opera di Leiber assieme al classico Witches of the Mind di Bruce Byfield (1991).

Dal 2 maggio in vendita a 8,99€ – In omaggio prenotando una copia de La cosa marrone chiaro entro la data di uscita!

Indice

Introduzione

Nota al Testo

Bibliografia Primaria

Ringraziamenti

1 – Not Something out of Books: “Smoke Ghost” (1941)

2 – Other Chambers in the Great Universal Cave: Il periodo moderno (1939-64)

2.1 Venticinque anni lunghi un secolo

2.2 Il mercato dei pulp magazine (1939-43)

2.3 Dimensioni spaziali (1943-48)

2.4 La maturità (1949-57)

2.5 I ragni della mente (1958-64)

3 – A Ghostly Answer comes from Space: The Wanderer (1964)

3.1 Un Premio Hugo molto controverso.

3.2 L’incipit e l’allegoria junghiana

3.3 Le altre dimensioni spaziali

3.4 La «confirmation» e un problema teorico del romanzo

4 – Scraps and Rags and Threads of Visions: Leiber postmoderno (1965-1992)

4.1 La fase di transizione (1965-69)

4.2 Verso il Postmoderno (1970-76)

4.3 Our Lady Of Darkness e oltre (1977-1992)

4.3.1 Tra realtà e testo

4.3.2 Dimensioni Spaziali

Bibliografia annotata dello scrittore

Bibliografia annotata della critica

Bibliografia secondaria

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)


Il nostro catalogo su